L’idea montessoriana degli spazi a misura di bambino, per far si che si possa esprimere e apprendere gli aspetti fondamentali della vita comunitaria, e delle sorelle Agazzi con l’approccio dell’educazione sull’avvicinamento del bambino al mondo della natura e degli animali e i contrassegni per le proprietà dei beni individuali (simboli su bavaglie, asciugamani, lenzuolini) che qua al Biricoccolo vengono forniti e lavati direttamente dall’asilo

Per Maria Montessori, l’oggetto dell’osservazione non è il bambino in sé, ma la scoperta del bambino nella sua spontaneità ed autenticità, per questo una mente assorbente fa sì che ogni dato ambientale formerà le strutture essenziali della sua personalità.
La scelta di queste teorie pedagogiche è basata proprio sulle idee fondamentali di cui sia io che la squadra scelta condividiamo totalmente e possiamo riassumere in alcuni punti essenziali:

  • Trattare il bambino con rispetto
  • usare la disciplina positiva
  • dare l’opportunità di provare cose nuove
  • dire sempre la verità
  • proporgli scelte
  • incoraggiare invece di premiare
  • non interrompere i suoi momenti di concentrazione

Le sorelle Agazzi promuovevano una nuova idea di educazione con l’aiuto della natura ed una nuova figura dell’educatrice: una figura professionale sempre aggiornata, che, oltre alla capacità di amare i bambini, sia in grado di saper coltivare i rapporti umani con entusiasmo, escludendo atteggiamenti di ansietà ed assicurando alla vita dell’asilo un’atmosfera di stabilità e sicurezza.

“Il bambino è un essere attivo, nel suo intimo esistono delle forze interiori che determinano il suo sviluppo e che devono essere promosse
L’utilizzo di materiali presenti in natura per sperimentare, conoscere e rispettare fauna e flora aiuterà questa crescita”

To Top